E’ un Santo Stefano nero per l’alpinismo abruzzese. Questa mattina sono stati rinvenuti dagli operatori del soccorso alpino i corpi di due alpinisti nei pressi del rifugio Franchetti.

Di seguito il comunicato del CNSAS:

Teramo, 26 dicembre 2019 – I tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo, insieme alle eliambulanze del 118 di stanza a L’Aquila e Pescara, stanno operando sul Gran Sasso, al di sotto del rifugio Franchetti e in prossimità della base della Ferrata Ricci. Sono coinvolti nell’incidente due alpinisti purtroppo deceduti.Sul luogo sono stati sbarcati due tecnici di elisoccorso del Soccorso Alpino e Speleologico. 

Stavano percorrendo un itinerario alpinistico sulla cima orientale del Gran Sasso legati tra loro in conserva, i due giovani alpinisti di 28 e 25 anni di Corfinio (Aq), che stamane hanno trovato la morte dopo essere scivolati per circa un migliaio di metri fino alla base della ferrata Ricci, sul versante teramano del Gran Sasso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.