Una squadra di tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo si sta recando in prossimità del rifugio Martellese, sulla Majella, per prestare soccorso a due persone in difficoltà. 

I soccorritori stanno percorrendo a piedi il sentiero che dalla strada prosegue nella Valle di Palombaro. Da quanto appreso telefonicamente, gli escursionisti, stanchi e molto infreddoliti, non sarebbero riusciti a raggiungere il rifugio, poi, sorpresi dal buio avrebbero deciso di lanciare l’allarme.

Chieti, 8 febbraio 2020 – Sono stati raggiunti dai tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo e stanno bene, i due giovani escursionisti di Villa Raspa di Spoltore e Pescara, un ventenne e un ventunenne che intorno alle 18,30 di oggi hanno lanciato l’allarme perché in difficoltà, bloccati sul versante orientale della Majella.

Volevano raggiungere il rifugio Martellese, ma l’escursione programmata che avrebbe dovuto portarli fino a 2050 m s.l.m., si è interrotta poco prima. È probabile che abbiano perso l’orientamento e al rifugio non sono mai arrivati, quindi  stanchi, infreddoliti e ormai al buio, hanno preferito allertare i soccorsi. 

A breve raggiungeranno la strada asfaltata, ancora una decina di minuti sul fuoristrada del Soccorso e saranno alle macchine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.