In relazione alla recente pubblicazione delle FAQ sul DPCM del 26 aprile di cui abbiamo parlato qui come era prevedibile, norme più restrittive sono state decise a livello regionale.

In Abruzzo la situazione appare ancora più frammentata, infatti nel sito della Regione Abruzzo troviamo scritto quanto segue, in merito agli spostamenti:

Evitare gli spostamenti

Sia in entrata che in uscita dai comuni dove si è domiciliati, nonché all’interno degli stessi, alle persone si chiede di spostarsi solo per:

  • comprovate esigenze lavorative;
  • assoluta urgenza (“per trasferimenti in comune diverso”, come previsto dall’art. 1, comma 1, lettera b) del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 marzo 2020); 
  • situazione di necessità (per spostamenti all’interno dello stesso comune o che rivestono carattere di quotidianità o che, comunque, siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere); 
  • motivi di salute.

La persona che si sposta per una delle ragioni sopra indicate, attesta il motivo  attraverso una AUTODICHIARAZIONE – modificata sulla base delle nuove disposizioni introdotte dal Dpcm 22 marzo 2020 – che potrà essere resa anche seduta stante attraverso la compilazione di moduli forniti dalle forze di polizia.

La sanzione per chi viola le limitazioni agli spostamenti è quella indicata dal Dpcm 8 marzo 2020 (articolo 650 del Codice penale: inosservanza di un provvedimento di un’autorità), salvo che non si possa configurare un’ipotesi più grave.

Per maggiori informazioni sugli spostamenti è possibile consultare le F.A.Q. messe a disposizione dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il link diretto alle FAQ ufficiali relative al DPCM del 26 aprile sembrano promettere libertà di spostamenti, ma in realtà tale possibilità è vincolata a possibili restrizioni emesse dai singoli Comuni.

Del resto, l’ordinanza 52 precedentemente emanata contiene questo passaggio:

…che sono consentiti all’interno della Regione Abruzzo, ai residenti o con domicilio nel territorio regionale, allenamenti esercitati individualmente e con il rispetto dei dispositivi di protezione individuale e misure di distanziamento sociale, per le seguenti attività sportive: trekking, parapendio in singolo, ciclismo, (bicicletta e mountain bike), bocce, canottaggio individuale, canoa kayak individuale, windsurf, barca a vela, atletica leggera svolta in forma individuale, golf, sport rotellistici, pesca sportiva di superficie e subacquea, sport equestri non di squadra, tennis singolo, tennis a volo singolo e badminton singolo, tiro con l’arco, tiro a segno, tiro sportivo con armi da fuoco lunghe e corte, da lancio, aria compressa (tiro al volo, tiro al piattello, tiro dinamico e statico) praticato nei campi da tiro, tiro sportivo da caccia (tiro di campagna, english traing sport, tiro a palla, tiro con l’arco da caccia, field target), sport motociclistico, go kart, arrampicata in falesia o esterno – purché siano mantenute le distanze di sicurezza tra l’arrampicatore ed il compagno di sicura. Per le citate attività sportive è vietato avvalersi delle strutture ad uso comune quali spogliatoi, bar interni, docce;

Riportiamo qui l’ordinanza nella sua interezza:

Download (PDF, 369KB)

E’ quindi necessario rivolgersi alle singole amministrazioni comunali per verificare la possibilità di spostamento per attività in montagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.