Stavano tranquillamente praticando sci alpinismo Ovindoli, violando le norme anti-contagio, quando sono stati fermati dai Carabinieri della locale stazione.

Per questo, sono state elevate 4 sanzioni da 400 euro ad altrettanti cittadini, tutti residenti in diverse zone della Marsica.

Da quanto appreso, tutti erano fuori dal proprio comune di residenza o domicilio.

Proseguono, dunque, a ritmo serrato i controlli da parte delle Forze dell’Ordine, che saranno intensificati nei giorni a ridosso del Natale e delle festività più in generale.

Fonte: https://www.infomedianews.com/sci-alpinismo-fuori-dal-comune-4-sanzioni/

Aggiornamento: diverse fonti riportano l’episodio come avvenuto sabato, con l’Abruzzo ancora in “zona rossa”.

3 thoughts on “Scialpinismo fuori dal comune: 4 multati a Ovindoli”

  1. ………..Nella chiesa di sant’Antonio, un giorno di non so quale solennità, un vecchio più che ottuagenario, dopo aver pregato alquanto inginocchioni, volle mettersi a sedere; e prima, con la cappa, spolverò la panca. “Quel vecchio unge le panche!” gridarono a una voce alcune donne che vider l’atto. La gente che si trovava in chiesa (in chiesa!), fu addosso al vecchio; lo prendon per i capelli, bianchi com’erano; lo carican di pugni e di calci; parte lo tirano, parte lo spingon fuori; se non lo finirono, fu per istrascinarlo, così semivivo, alla prigione, ai giudici, alle torture……………

  2. Alla luce di questi episodi il governo dovrebbe mettersi una mano sulla coscienza e capire che penalizzare questi spostamenti che non contribuiscono affatto alla diffusione del virus è da criminali, ma figurati… sono troppo impegnati a pensare ai loro guadagni, potere e poltrone, l’eremita non si può fare, ma gli assembramenti che portano soldi e voti certamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.