Si ripartirà domattina con le stesse modalità di oggi: nell’area di Valle Majelama interessata dalle tre valanghe, saranno impiegati una trentina di uomini del Soccorso Alpino, della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, della Polizia e dell’Esercito.
I soccorritori raggiungeranno la zona, a quota 1.800 metri, grazie a degli elicotteri, che devolveranno dal campo sportivo di Massa D’Albe.

Mentre una squadra composta da 8 soccorritori raggiungerà con gli sci Valle Genzana, area meno estesa rispetto a quella di Valle Majelama.

Nelle ricerche saranno impiegati anche due cani dell’unità cinofila del Soccorso Alpino del Trentino e due sonde Recco manuali. Si ricorda che Recco capta qualsiasi tipo di metallo: chiavi, cellulari, placche di abbigliamento da alpinismo e altre tipologie di metalli.

E’ quindi stato deciso di proseguire con le ricerche, dopo vertice operativo che si è tenuto questa mattina a Roma.

Al vertice erano presenti il capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco Laura Lega, il capo del Corpo Fabio Dattilo e il direttore centrale per l’emergenza Guido Parisi, in collegamento con il prefetto dell’Aquila Cinzia Torraco oltre ai responsabili delle strutture operative che stanno operando nella zona del comune di Massa D’Albe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *