E’ stato individuato dai droni in volo sul Monte Vettore il corpo senza vita di un uomo. Probabilmente è quello dell’escursionista di Montefalcone Appennino disperso da ieri nella zona (leggi l’articolo). Ma la salma non è ancora stata identificata, perchè i soccorritori devono ancora giungere sul posto. Il corpo è riverso a terra nel ghiaccio in un canalone della montagna, ad alta quota. Le ricerche dell’uomo, 59enne erano scattate ieri pomeriggio dopo l’allarme dei familiari.

Foto CNSAS Marche

Il comunicato CNSAS

Dopo ore di ricerche protratte per tutta la notte, grazie ad un drone del Soccorso Alpino e Speleologico, nelle prime ore del mattino è stato individuato il disperso in una zona molto impervia della parete sud del Monte Vettore. Subito raggiunto dai tecnici e da un Carabiniere Forestale, attrezzati con piccozza e ramponi, che hanno fornito supporto da terra al Tecnico di Elisoccorso ed al medico verricellati sul posto dall’elicottero del 118 Icaro02. Il medico ha immediatamente verificato le criticità delle condizioni del soggetto, constatandone il decesso. Hanno partecipato alle operazioni di ricerca e recupero oltre 40 uomini del Soccorso Alpino e Speleologico e due unità cinofile del Corpo, provenienti da Marche, Abruzzo e Umbria. Nella notte sono state fatte delle ricognizioni con l’elicottero dell’Aeronautica Militare abilitato al volo notturno proveniente da Pratica di Mare. Presenti i Carabinieri di Ascoli Piceno e comuni limitrofi ed un gruppo di VVF con in supporto l’elicottero Drago, che ha effettuato ricognizioni ad alta quota.

La vittima è Marco Stortoni, grande appassionato di fotografia e dei Monti Sibillini. Gestiva una pasticceria a Comunanza, insieme al fratello Fausto.

Foto CNSAS Marche

Nel video, alcuni momenti della ricerca del disperso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *