Il corso di laurea in Scienze della Montagna dell’Università degli Studi della Tuscia propone per la giornata di martedì 16 marzo, dalle ore 17 alle ore 19, un seminario online aperto al pubblico, dal titolo “La neve, i suoi metamorfismi e i suoi movimenti”.

L’incontro, che vedrà come relatore il Dr. Massimo Pecci, geologo, attualmente in servizio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie, si inserisce in un ciclo di seminari che proseguirà nelle prossime settimane, organizzato in collaborazione con la Sabina Universitas.

Un argomento, quello affrontato dal Dr. Pecci, di certo interesse per gli studenti in Scienze della Montagna, ma non solo. La neve e i rischi ad essa connessi rappresentano infatti un tema di grande attualità, per gli operatori del mondo montagna ma anche per tutti gli amanti della quota e degli sport invernali.

Nelle scorse settimane il significativo numero di incidenti, talvolta mortali, verificatisi su vette cospicuamente innevate, ha dimostrato quanto sia importante saper valutare il pericolo valanghe. Non solo sulle Alpi ma anche in Appennino. Sul Terminillo stesso, vetta che si innalza sullo sfondo della sede del corso di laurea in Scienze della Montagna, la stagione invernale si è rivelata quest’anno estremamente delicata.

Di seguito il link per accedere al seminario: https://unitus.zoom.us/j/99950345712

Contenuti schematici del Seminario

L’attività didattica ha l’obiettivo di introdurre gli studenti e i partecipanti al mondo della neve, alle sue trasformazioni (metamorfismi), una volta al suolo sotto forma di manto nevoso, e ai pericoli che derivano dai suoi movimenti.

Il seminario, quindi, si articolerà nelle seguenti 4 tematiche principali:

  1. Contestualizzazione geografica: la neve nella montagna laziale
  2. La neve al suolo: caratteristiche e metamorfismi
  3. Metodologie di rilevamento dei dati nivologici
  4. Movimenti della neve; le valanghe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.