In data 7 dicembre è scattato l’allarme per un mancato rientro di un escursionista romano di 25 anni.

Il giovane. F.F. le sue iniziali, era stato avvistato da solo nella zona del Canale Chiaretti-Pietrostefani , via alpinistica invernale di bassa difficoltà che non è ancora in condizioni ottimali, per l’innevamento a tratti inconsistente.
Le ricerche, effettuate dai tecnici del Corpo nazionale del Soccorso alpino e speleologico del Lazio, del Soccorso alpino della Guardia di Finanza, dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco del Comando di Rieti, sono durate tutta la notte, sino alle ore 3, quando il ragazzo è stato trovato e elitrasportato in gravi condizioni all’ospedale Gemelli.

Di seguito il Comunicato Stampa del CNSAS – Soccorso Alpino e Speleologico Lazio

Filmato a cura dell’Ufficio Stampa del CNSAS Lazio

Terminillo, 7 dicembre 2023

Questa notte è stato effettuato un rischioso intervento notturno da parte del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) Lazio per soccorrere un alpinista di 25 anni, F.F, originario di Roma. L’allarme è scattato quando i genitori del giovane, senza notizie dal mattino di giovedì 7 dicembre, hanno contattato il 112 preoccupati per il suo mancato rientro.

Immediatamente sono state attivate diverse squadre di terra, tra cui una del CNSAS Lazio, una del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (SAGF), una dei Vigili del Fuoco e alcuni agenti della Polizia di Stato, che hanno collaborato in modo eccellente durante tutto il processo di ricerca e soccorso.

Durante la notte, sono state acquisite informazioni cruciali sulla posizione dell’alpinista grazie a testimoni che lo avevano avvistato nel corso della giornata e post sui social media. L’intervento è stato reso ancora più efficace con l’arrivo dell’elicottero dell’Aeronautica Militare, il quale, insieme alle squadre a terra, ha permesso ai tecnici del CNSAS di risalire le tracce del disperso anche attraverso la localizzazione della cella telefonica

L’alpinista è stato ritrovato in fondo a un canale ghiacciato in località Valle degli Angeli, in pessime condizioni sanitarie a seguito di una caduta da una parete rocciosa di circa 70 metri, con salti di roccia.L’intervento è stato estremamente complesso, e la presenza del medico del CNSAS è risultata provvidenziale.
Il medico è salito a bordo dell’elicottero dell’Aeronautica Militare ed è stato verricellato sul ferito
per prestare i primi soccorsi.
L’alpinista è stato rapidamente immobilizzato, riscaldato e trasferito in elicottero all’ospedale di Rieti.

Sul posto anche militari dei Carabinieri, che hanno contribuito alla gestione dell’emergenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *