Nel 2023, in montagna nell’Abruzzo, si sono registrati 197 interventi e 6 persone sono purtroppo decedute, secondo i dati del Soccorso Alpino. Nel 78% dei casi, sono state recuperate persone di sesso maschile. Le missioni di soccorso portate a termine sono state 197, con il 47% dei soggetti illesi o con ferite lievi e il 3,2% dei decessi. Le attività svolte dal Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo riguardano soccorsi tecnici e sanitari in ambienti montani, in grotte e in zone impervie. Gli interventi in Abruzzo rappresentano l’1,6% del totale nazionale, con un totale di 12.365 persone soccorse, di cui 7.622 ferite e 491 decedute. Le cause principali delle missioni di soccorso sono le cadute, la perdita di orientamento e la generale incapacità del richiedente aiuto. Gli interventi per persone in mountain bike sono in costante aumento, al secondo posto dopo l’escursionismo e prima dell’alpinismo, lo scialpinismo e lo sci su pista. Nel 78% dei casi sono stati recuperati uomini, mentre la fascia d’età segue un trend decrescente a partire dai 40-50, con quote minori per gli over 50: 40-50 19%; 30-40 16%; 20-30 16%; 60-70 16%; 50-60 14%; 10-20 12%; 70-80 6%; oltre 80 1%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *