Category:

Monte  Greco da dovunque si prende è duro”  questa è la tipica frase che i locali dicono riferendosi alla montagna più alta del gruppo dei marsicani (2285 mt). Per raggiungere la vetta, infatti, è necessario coprire circa 1300mt di dislivello in un tragitto segnato da ripide salite, mai banali. 

Attraversata la strada, si imbocca subito il sentiero J5 che con una leggera pendenza conduce, dopo circa 20 minuti ad una comoda fontana, utile per riempire le borracce con fresca acqua di sorgente. 

Il percorso prosegue, quindi, all’interno del bosco sino a quota 1750mt. Da qui inizia il tratto più impegnativo: una ripida salita a sinistra della “capriola che conduce al primo svalico. Nonostante il notevole guadagno di quota, 2000mt, la vetta risulta essere ancora molto distante e nascosta da una serie di piccole valli. Proseguendo sul percorso, i bollini rosso-bianchi non sono sempre facili da identificare, soprattutto in discesa, si raggiunge il secondo valico a quota 2200. Sfortunatamente, sarà necessario perdere quota per iniziare l’ultima salita che conduce alla grande croce di vetta. 

Da qui è possibile avere una visuale a 360° sui vicini monti marsicani, monte Serra di Chiarano, Monte Chiarano e i famosi impianti di sci di Roccaraso.  Effettuando l’escursione in primavera dalla vetta è possibile ammirare enormi branchi di cervi che stazzano a Valle Fredda, nei pressi del laghetto Pantaniello.