Quando sentiamo parlare di ecosistemi la nostra mente pensa sempre alle grandi foreste amazzoniche o agli ambienti marini tipici degli immensi oceani, eppure ci sfugge un posto in tutto ciò: l’Italia. Proprio così il nostro Bel stivale è teatro di uno dei più ricchi ecosistemi viventi, una biodiversità unica in grado di far invidia a tutto il mondo. E’ proprio per questo che abbiamo deciso di dedicare una rubrica speciale alla fauna e flora locale, in particolare del sistema appenninico, per farvi conoscere le meraviglie di questo mondo.

ROCCAMORICE (PE) Erano partiti da Fonte Tettone, due escursionisti della zona, un uomo di 55 anni e una donna di 49 anni, diretti all’Eremo di Santo Spirito. Ma lungo il suggestivo sentiero, immerso nella faggeta del Parco della Majella, i due escursionisti hanno sentito dei rumori provenire dalla ricca fauna selvatica che popola l’area, in cui vivono lupi, caprioli e cervi

Dal 2015 il Parco collabora, insieme ad altri Parchi Nazionali, a un importante progetto finalizzato ad aumentare le conoscenze sulla presenza e distribuzione della lepre italica (Lepus corsicanus), una specie classificata come “minacciata” secondo i criteri dell’International Union for Conservation of Nature and Natural Resources (IUCN) e sulla cui conservazione insistono diverse problematiche.